Sicilia Camping
Sicilia Camping Sicilia Camping Sicilia Camping Genial s.r.l.  
Sicilia Camping
Sicilia Camping
Home
CARTINA E STRADARIO
Sicilia
dettagli >>
MENÙ
Elenco strutture ricerrive CAMPEGGI
Itinerari da scoprire ITINERARI
Photo gallery PHOTO GALLERY
Etna ETNA
Villa del Casale VILLA DEL CASALE
Valle dei Templi VALLE DEI TEMPLI
Arcipelaghi Siciliani ARCIPELAGHI
PROVINCE
PALERMO PALERMO
AGRIGENTO AGRIGENTO
CALTANISSETTA CALTANISSETTA
CATANIA CATANIA
ENNA ENNA
MESSINA MESSINA
RAGUSA RAGUSA
SIRACUSA SIRACUSA
TRAPANI TRAPANI
TERRA SICILIANA
L’isola forma un triangolo isoscele quasi perfetto, terminando a nord-est con la punta (o capo) del Faro, presso Messina, a ovest con il capo Boeo o Lilibeo, presso Marsala (in provincia di Trapani), a sud-est con il capo Passero. La superficie insulare ha una morfologia piuttosto complessa e irregolare, e anche l’andamento costiero è molto vario.
Il territorio è per quasi due terzi (61,4%) collinare e per circa un quarto (24,5%) montuoso; ben poco spazio resta dunque alle pianure, che sono tutte situate lungo i litorali. La mancanza di “corridoi” interni ha impedito nel corso dei secoli i collegamenti tra i vari fronti costieri che, oltre a prospettare su tre diversi mari, non sono riusciti a stabilire durevoli rapporti tra di loro: ancor più isolato è naturalmente rimasto il lato dell’isola che volge all’Africa. monti iblei sampieri Il litorale tirrenico, che da Messina si spinge sino a Trapani, è in genere alto e frastagliato (immediatamente alle spalle s’innalza una serie quasi ininterrotta di rilievi); vi si aprono vari golfi, tra cui quelli di Milazzo e di Patti a est, e di Palermo e di Castellammare a ovest.
Il litorale sul mare di Sicilia (chiamato anche mar d’Africa), che volge da nord-est a sud-ovest, è al contrario in prevalenza basso e sabbioso, pressoché rettilineo, e con un entroterra collinare; a tratti ha un’orlatura di dune, che rendono difficile lo sbocco in mare dei corsi d’acqua e favoriscono la formazione di paludi. È quindi perlopiù importuoso, con la sola, ampia rientranza del golfo di Gela.
La costa ionica è la più varia: alta e diritta nella sezione settentrionale, dove da Messina a Catania le montagne scendono a picco sul mare, include al centro la vasta piana di Catania, la più estesa dell’isola; a sud è perlopiù bassa ma con varie insenature, chiuse dagli estremi contrafforti dei monti retrostanti (golfi di Augusta, Siracusa, Noto).
La sezione montuosa dell’isola include sei principali rilievi, assai diversi per orientamento, origine e struttura delle rocce. Nella metà orientale della fascia costiera si sviluppano, da est a ovest, tre gruppi montuosi che complessivamente vengono denominati Appennino siculo: i Peloritani, i Nebrodi e le Madonie.
I Peloritani, costituiti da antiche rocce cristalline, costituiscono la diretta prosecuzione dell’Appennino calabro; occupano l’intera porzione nordorientale della Sicilia, prospettando quindi anche sul mar Ionio, e hanno forme piuttosto aspre malgrado l’altezza modesta (la massima cima tocca appena i 1.374 m).
I Nebrodi sono formati invece da arenarie e argille, di facile erosione e che quindi determinano paesaggi dalle linee morbide; le quote si elevano sino ai 1.847 m del monte Soro. Perdono verso ovest l’andamento a dorsale per saldarsi con un ampio e tozzo massiccio, le Madonie; qui le rocce hanno in prevalenza natura calcarea, con pianori aridi e frequenti fenomeni carsici, culminando nel pizzo Carbonara che, con i suoi 1.979 m, è la massima vetta dell’Appennino siculo.
Al di là dei contrafforti delle Madonie, la Sicilia occidentale è formata da una serie confusa di rilievi, perlopiù collinari, ma talvolta con elevazioni anche imponenti, superiori ai 1.500 metri, in particolare là dove emergono, al di sopra delle distese di argille e arenarie marnose, più resistenti bastioni calcarei, localmente chiamati “rocche” per la loro forma isolata: così la Rocca Busambra (1.610 m).
Nella Sicilia centrale si accentua l’irregolarità del rilievo; si può tuttavia distinguere una larga fascia trasversale, poco più di un altopiano di natura arenaceo-calcarea, che grosso modo si diparte dalle Madonie e, volgendo verso sud-est, giunge sino al vertice meridionale dell’isola. La formano dapprima i monti Erei, quindi, più a sud, il vasto tavolato dei monti Iblei; le massime quote superano di poco i 1.100 metri nel primo sistema, non raggiungono nemmeno i 1.000 metri nel secondo. Rappresentano tuttavia un rilevante fattore idrografico, perché formano la linea di spartiacque di molti fiumi che vi hanno origine, volgendosi poi al mare di Sicilia o al mar Ionio.
Il sesto e più imponente rilievo della Sicilia è rappresentato dall’Etna. Vulcano attivo, il più elevato d’Europa (3.323 m), domina la costa orientale dell’isola; ha una mole imponente, di forma conica, che spicca anche da molto lontano, mostrando versanti che diventano via via più ripidi col procedere verso la sommità, imbiancata di neve per la maggior parte dell’anno. L’Etna sovrasta la più vasta ed importante pianura siciliana, che ha reso fertile con i suoi stessi depositi vulcanici: la piana di Catania. Formata dalle alluvioni del fiume Simeto e dei suoi affluenti, tra cui il Dittaino, la piana di Catania ha una superficie di 430 km², pari a un quinto di tutte le pianure dell’isola; altre importanti aree pianeggianti sono poi la piana di Gela, sul mare di Sicilia, che presenta però numerose dune, e la Conca d’Oro, su cui si estende Palermo, sul mar Tirreno.
Il particolare andamento del rilievo e il triplice fronte marittimo spezzano la superficie insulare in bacini idrografici di limitata estensione. I corsi d’acqua, inoltre, la cui alimentazione è legata esclusivamente alle piogge, hanno un regime assai irregolare, con piene d’inverno e all’inizio della primavera, epoca in cui non sono rare le esondazioni dagli alvei, e soprattutto magre estive molto marcate. Buona parte dei corsi d’acqua siciliani sono, come in Calabria, delle fiumare, cioè torrenti dai larghi letti ghiaiosi completamente asciutti nei mesi estivi.
Il più importante fiume della Sicilia è il Simeto, che nasce sui Nebrodi ed è arricchito da vari affluenti che scendono dall’Etna, bagnando la piana di Catania. È lungo 113 km e ha il maggior bacino idrografico: 4.169 km², il più esteso di tutta l’Italia meridionale dopo il Garigliano.
Il fiume più lungo (144 km) è però il Salso, più esattamente l’Imera-Salso, che ha origine nelle Madonie e attraversa tutta l’isola da nord a sud, sfociando nel mar di Sicilia. Il Belice drena la sezione più occidentale dell’isola (Val di Mazara).
"Sicilia," Microsoft ® Encarta ® Enciclopedia Online 2007 http://it.encarta.msn.com © 1997-2007 Microsoft Corporation.
Tutti i diritti riservati.
© 1993-2007 Microsoft Corporation. Tutti i diritti riservati.
 
camping.it
camping-italy.net
campeggiando.it
campeggi-villaggi.it
adv.camping.it
Italiacampeggi.com

 
Guida ai campeggi e villaggi turistici d'Italia - Camping.it
 
Campeggi e Villaggi Turistici in Italia.
 
Guida ai campeggi e villaggi turistici d'Italia.

 
Sicilia Camping
Sicilia Camping
   
Sicilia Camping
Villaggi e campeggi in Sicilia developed by GeniaL S.r.l.
Copyright (1996-2017)
Genial s.r.l. Via Roma 318 - 64014 Martinsicuro (Te) - P.I. 00980800676
Valid XHTML 1.0 Transitional